COM.MA – Community Marketing | Sui cosiddetti mutui gay

Sui cosiddetti mutui gay

5 marzo 2009

A proposito di banche e gay: molto bello lo spot di questa banca argentina, una banca in grado “di cambiare”, addirittura come il sesso di un(a) sua cliente.

Ma qui in casa nostra e’ la banca BHW ad avere cambiato, forse impercettibilmente,  ma comunque piu’ di molte battaglie politiche, la percezione concreta della “coppia omosessuale” .

Mi riferisco alla notizia di ieri:  la banca tedesca BHW, da poco approdata sul mercato Italiano,  intende offrire mutui con spread agevolato anche alle coppie gay.

Ne hanno parlato tutti, dal Corriere a Repubblica a Panorama, dai principali medium gay. come Gay.it, ai piccoli, ma vitalissimi blog queer, alle associazioni (Arcigay).
Da parte di BHW: mossa di marketing fondata su analisi obbiettive o  semplice mossa pubblicitaria molto azzeccata da parte della banca?

E,  lato comunicazione/media,  giusto rilievo dato ad una notizia importante, o eccesso di clamore?

Dal punto di vista del marketing si tratta sicuramente di una iniziativa intelligente.

Gli omosessuali, con una disponibilita’ economica maggiore della media, tendenzialmente senza prole, sensibili ai riconoscimenti nei conforonti dei loro diritti, sono un ottimo target e credo apprezzeranno.

Sulle intenzioni reali dell’azienda credo di poter portare la mia piccola testimonianza dopo aver sentito i responsabili markting della banca, che sono in realta’ i primi ad essere molto sopresi da tutto questo clamore.

Le loro parole, che riporto informalmente, tendono in realta’ a ridimensionare la notizia.

Infatti, affermano, BHW ha semplicemente equiparato le coppie omosessuali ad altre persone appartenenti ad altre categorie convezionate che richiedono mutui , ossia alle quali la banca intende rivolgersi con una proposta vantaggiosa, o competitiva sul mercato.

Soprassiedo qui sulla comparazione tecnica delle varie offerte di mutui italiani, con o senza convenzione, con o senza vantaggio, per capire se davvero BHW offra davvero un prodotto innovativo o conveniente oppure no, sono questioni tecniche e poco interessanti.

Mi limito a citare le disarmanti,  e illuminanti (sul ritardo dell’Italia), parole di uno stupito manager di BHW:

“Siamo davvero sorpresi che una semplice questione di buon senso, che prendevamo per scontato passasse inosservata, dato che in Germania cosi’ e’ stato, faccia cosi’ tanta notizia in Italia”.

Ma non eravamo in Europa anche noi?

Ecco al riguardo l’intervista a Panorama del direttore di Gay.it Alessio De Giorgi.

2 Commenti

il Sui cosiddetti mutui gay.
  1. omonews
    |

    Il filmato è davvero interessante. Anche il blog

  2. Federico
    |

    Saranno anche mutui con tassi agevolati, ma in giro c’è di meglio, per richieste con l’80% di intervento. In realtà nessuna novità, ho un’agenzia immobiliare ed ho trattato con banche italiane per mutui per coppie apertamente omosessuali, tutti hanno avuto regolare delibera (perchè economicamente se lo potevano permettere, che è la cosa più importante…). Le vere agevolazioni arrivano non se sei giovane, se sei sposato o cose varie così, ma solo se dai garanzie forti e reali.

Lascia un commento

Il tuo feedback è importante per noi. La tua e-mail resterò privata.